Dott. Pelagatti Saverio

Odontoiatra

 

INTARSI

 

Nel mio studio questo tipo di riabilitazione protesica è una delle più eseguite perché è una riabilitazione che risponde alla mia filosofia di lavoro che è quella di conservare il più possibile la sostanza dentale e sostituire soltanto quella andata persa per carie o frattura dentale.

Si tratta quindi di una odontoiatria, la più conservativa possibile, che va a sostituire soltanto la parte persa del dente evitando in questo modo di ricorrere ad una riabilitazione protesica mediante corona che porta ad una perdita maggiore di sostanza dentale dovendo asportare alle volte anche tessuto dentale sano.

I vantaggi dell’intarsio sono quelli di:

  - conservare tutta la sostanza sana del dente,

  - di avere una estetica perfetta,

  - di essere realizzato con materiale biocompatibile,

  - di avere una durata elevata,

  - di avere un costo inferiore rispetto ad una corona,

  - di poter essere realizzato in sole due sedute o anche in un’unica seduta più lunga.

I materiali che più spesso utilizzo sono le ceramiche integrali e le ceramiche “ibride” costituite da una matrice in resina e particelle in ceramica.

Personalmente mi trovo molto bene con la resina nanoceramica LAVA ULTIMATE della 3M, materiale costituito per il 20% da resina e per l’80% da microparticelle di ceramica. La sua caratteristica principale rispetto alle ceramiche tradizionali è data dal suo elevatissimo grado di flessibilità, dalla possibilità di avere margini più sottili senza andare incontro a frattura e di non causare abrasione nell’arcata antagonista.

I vantaggi delle ceramiche integrali sono invece quelle di avere una abrasione bassissima, quasi inesistente e quindi di mantenersi inalterate nel tempo.

Grazie al Cerec nel mio studio gli intarsi possono essere realizzati anche in un’unica seduta un po’ più lunga di quelle normali se l’intervento terapeutico è stato programmato, altrimenti al massimo in 24 ore il manufatto protesico sarà pronto per essere applicato nella vostra bocca.

Le impronte sono prese o con materiale da impronta tradizionale o mediante lo scanner intraorale della Cerec.

Gli intarsi vengono cementati in bocca mediante cementazione adesiva con un cemento resina trasparente per ottenere il massimo mimetismo possibile e rendere il manufatto protesico praticamente indistinguibile rispetto al dente rimasto.

 

 

CASO 1:

  Preparazione dentale per intarsio del 26

 

  Intarsio in resina nanoceramica del 26

 

CASO 2:

 

  


We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information