Dott. Pelagatti Saverio

Odontoiatra

 

IL TRATTAMENTO ORTODONTICO PER IL RECUPERO DI DENTI INCLUSI E RITENUTI

 

Cos'è l'eruzione dentale?

L'eruzione dentale è quel processo attraverso il quale il dente si mette in movimento durante gli stadi finali dell’odontogenesi portandosi dalla sua posizione di sviluppo all'interno della mascella fino alla sua posizione finale sul piano occlusale.

 Quali sono le fasi dell’eruzione?

Abbiamo una prima fase di eruzione precedente all'emergenza in arcata in cui il dente si muove lentamente portando al riassorbimento della radice del deciduo e una seconda fase in cui abbiamo un picco eruttivo post emergenza che porta il dente ad erompere in arcata nella sua sede fisiologica.

Qual è la sequenza e il termine dell’eruzione?

La sequenza e il termine dell’eruzione dei denti è estremamente variabile, cambia da soggetto a soggetto, anche se esistono comunque dei parametri a cui fare riferimento. Di solito la permuta dei premolari e dei canini è attorno ai 10-13 anni. Le fasi dell’eruzione però non finiscono ai 13-14 anni ma l’eruzione è un processo dinamico che si mantiene anche nell'adulto.

Cos'è l’inclusione dentale?

Si può definire incluso un dente completamente formato presente nei mascellari e non comparso in arcata e che ha perso il suo potenziale eruttivo.

Quando si può parlare di dente ritenuto?

Si può classificare come dente ritenuto un dente che mantiene il suo potenziale eruttivo  e non riesce ad erompere in arcata per la presenza di ostacoli quali tumori, cisti follicolari ecc. Questi denti una volta eliminato l’ostacolo riescono ad erompere in arcata.

Qual è il trattamento dei denti inclusi ?

Il trattamento dei denti inclusi è chirurgico-ortodontico.

Di prassi, secondo letteratura, si procede in questo modo:

1°) prima fase ortodontica, per allineare i denti in arcata e creare spazio;

2°) seconda fase chirurgica comprendente localizzazione, esposizione e aggancio del dente incluso;

3°) terza fase ortodontica comprendente la trazione e l’allineamento in arcata del dente incluso.

Nella prima fase ortodontica il recupero di spazio deve essere adeguato alle dimensioni del dente incluso, può avvenire con o senza estrazioni.

Nella seconda fase chirurgica si procede in questo modo:

1- Localizzazione del dente incuso tramite OPT, Dentascan ecc.

2- Valutazione della localizzazione: palatale o vestibolare.

3- Valutazione dell’inclusione: sottomucosa o infraossea.

4- Valutazione del rapporto con i denti vicini e le strutture ossee circostanti.

5- Esposizione del dente incluso.

6- Lembo a cielo aperto + tunnel osseo per favorire l’eruzione.

7- Applicazione di un attacco per la trazione del dente incluso.

Personalmente  ho variato questo approccio unendo alla prima fase ortodontica una prima fase chirurgica comprendente  l'esposizione del dente incluso con un lembo a cielo aperto ed  una osteoplastica con creazione di un tunnel osseo per favorire l’eruzione (diretto verso la posizione in cui il dente deve posizionarsi in modo corretto in arcata). Una volta terminato l’intervento richiudo il lembo senza posizionare nessun attacco e continuo la terapia ortodontica aspettando per così dire che la natura faccia il suo corso e cioè che il dente ritenuto fuoriesca spontaneamente.

Questo mi ha spesso portato ad avere la fuoriuscita del dente incluso nel cavo orale nello stesso tempo in cui avevo terminato la fase ortodontica iniziale. In questo modo è possibile applicare l'attacco sul dente in un ambiente asciutto e pulito, non contaminato da sangue e saliva che porta molto spesso al distacco dell’attacco stesso e alla conseguente riapertura del lembo con tutto quello che questo comporta in termini di perdita di tempo e  di disagio per il paziente.

Se invece il dente incluso non è ancora erotto alla fine della prima fase ortodontica, controllo radiograficamente la sua posizione e valuto se vale la pena aspettare ancora la sua fuoriuscita spontanea o se invece bisogna intervenire di nuovo chirurgicamente. In questo caso però l’intervento sarà comunque molto più semplice e veloce e porterà ad un disagio limitato per il paziente.

 

CASO CLINICO:

 

 

  OPT iniziale

   Canino superiore ritenuto

   Canino inferiore incluso

   Denti decidui ( da latte ) in arcata

 

  Teleradiografia iniziale

   Canino superiore ritenuto in posizione palatale

 

  Visione iniziale delle arcate dentali

    Denti decidui in arcata

 

  OPT dopo 6 mesi di trattamento

 

  Fine terapia: canino superiore in arcata

 

  OPT fine trattamento


We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information